Piani di azione sulla geodiversità per scopi divulgativi

Home : Temi interdisciplinari : Piani di azione sulla geodiversità per scopi divulgativi


Coordinatore: Elena Ferrero
Gruppo di lavoro: Belluso, Ferrero, Giardino, Lozar, Perotti

IT “C” (Piani di azione sulla geodiversità per scopi divulgativi) ha prodotto strumenti didattici incentrati sui contenuti forniti da tutte le aree geotematiche. Il quadro generale è stato proposto alla comunità scientifica internazionale al Brisbane IGC2012.

Gli strumenti didattici sono stati testati in scuole selezionate, musei e Geoparchi, dove sono state eseguite le valutazioni sui geositi. Risultati ed elaborazioni statistiche sono state presentati nelle sessioni scientifiche di EGU2015 e GSA2015.

I rapporti tra l’ambiente e la storia umana sono stati sintetizzati in pubblicazioni scientifiche e relazioni tecniche offerte ai team di gestione del patrimonio del Sesia Val Grande Geopark (NE Piemonte) e per la proposta di istituzione dell’ Alpi Cozie Geopark (Italia-Francia).

E’ stata presentata alla 6 ° Conferenza Internazionale dell’UNESCO sui Global Geoparks (Canada 2014), sotto forma di output del progetto Progeo-Piemonte, una metodologia globale ( “EduGEOPark”) per gli scambi degli studenti internazionale basata sulla promozione della conoscenza sulle Scienze della Terra e la consapevolezza sul Geoheritage. L’ idea innovativa è stata quella di coinvolgere gli studenti e gli insegnanti nelle attività di ricerca di Progeo-Piemonte, compresi il campionamento e la mappatura digitale; inoltre nell’ambito di un programma di scambio per gli studenti della scuola secondaria (Italia-Finlandia) sono state testate attività pratiche sul campo e di laboratorio utili per stimolare l’interpretazione geologica di un territorio. L’approccio innovativo è stato riconosciuto e approvato nell’ambito di un progetto Erasmus Plus nel corso del 2015.

Il progetto “Fossili Urbani”, che consiste in un concorso fotografico, un libro ed una mostra itinerante, che sarà ospitata da diversi musei italiani di storia naturale durante il 2016 e il 2017, è finalizzato a stimolare il pubblico a riflettere sul l’impatto dell’attività umana sul pianeta Terra e agli esseri umani come agenti geologici.