Geodiversità

Home : Geodiversità

La geodiversità è la varietà riconoscibile in natura (“diversità”) degli elementi geologici (rocce, minerali, fossili, … ), degli ambienti geomorfologici (e relative forme e processi) e delle caratteristiche del suolo. Essa comprende non solo i singoli fenomeni, ma anche i loro insiemi, le loro relazioni, le proprietà che li caratterizzano, le interpretazioni che se ne deducono ed i sistemi in cui essi sono organizzati.

La geodiversità è un importante fattore che interagisce con la biodiversità e la condiziona, determinando la diversità della Natura.

 

CARTA GEOLOGICA DEL PIEMONTE CUBO DI RUBIK SVILUPPATO AREE GEOTEMATICHE RAPPRESENTATE
SUL CUBO DI RUBIK
La geodiversità a livello regionale (nel caso specifico: il Piemonte) può essere rappresentata su una carta geologica con una serie aree di colore diverso che identificano unità/complessi geologici distinguibili dai territori circostanti per caratteristiche litologiche, strutturali, geomorfologiche, ecc.
I geologi usano i colori per evidenziare unità geologiche, rocce ed ambienti diversi. Ad esempio, esiste una serie codificata di colori che in tutto il mondo identifica le rocce della stessa età di formazione.
Il cubo di Rubik sviluppato sulla superficie piana può essere, per analogia, considerato un emblema della geodiversità regionale piemontese.
In questo modo, ciascun colore rappresenta la specifica testimonianza di un determinato ambiente geologico; può essere riconoscibile in varie località, ma è caratteristico di un determinato territorio che ne diventa l’area-tipo. Alcuni esempi: le profondità della Terra testimoniate dalle rocce del mantello affioranti nella parte interna della catena alpina; oppure le rocce sedimentarie e le associazioni di fossili marini che caratterizzano le colline astigiane; oppure ancora le forme fluviali che articolano la pianura del Po.
Come nel cubo di Rubik, una serie di operazioni di selezione e di ri-assemblaggio delle componenti geologiche e territoriali della geodiversità, ci permettono di individuare e “giocare” con le aree-tipo (“aree geotematiche”).
Le migliori testimonianze di determinati ambienti e processi geologici possono diventare non solo oggetto di studio ma anche di divulgazione scientifica. Le aree geotematiche sono osservatori privilegiati per interpretare il significato geologico, la distribuzione nel passato e l’evoluzione nel tempo di rocce, fossili, forme ed ambienti terrestri.